Viabilità – un problema da risolvere urgentemente e con soluzioni innovative

La viabilità che interessa il tratto di Pedemontana dall’innesto di Pozza di Maranello fino all’ingresso della Modena-Sassuolo è al collasso durante i giorni feriali. Serve un intervento serio da parte della provincia e un confronto aperto sul futuro di questo asse viario.
Tutte le mattine lavorative il traffico bidirezionale dell’Estense che va ad innestarsi all’ingresso della pedemontana in località Pozza di Maranello, verso il comparto ceramico di Fiorano e Sassuolo, subisce rallentamenti e stalli importanti. Le cause probabili, le più evidenti, sono da ricercare nell’elevata densità di veicoli in ingresso allo snodo di Pozza, coincidenti con corsie di accelerazione e decelerazione non adeguate all’ingresso e l’uscita delle stazioni di servizio prossime allo snodo sopra citato. 
Le situazioni di forte rallentamento, sino al blocco temporaneo dei veicoli, si possono tuttavia vedere durante l’arco della giornata lavorativa in diversi punti dell’asse viario, con evidente e particolare riferimento agli orari di punta per l’accesso e l’uscita dai luoghi di lavoro. La situazione sta andando verso l’insostenibilità completa, per diversi motivi; primo motivo di riflessione è che il tempo di percorrenza si allunga al punto di spingere una parte del traffico veicolare a deviare in anticipo verso il centro di Maranello che, paradossalmente, sembra più scorrevole; secondo motivo è che, il rallentamento insistente del traffico, genera un addensamento di sostanze inquinanti in prossimità dell’abitato circostante all’innesto, mentre la scelta di coloro che dirottano verso il centro di Maranello riporta gradualmente un traffico di attraversamento che avrebbe dovuto invece essere ridotto ai minimi termini.
Maranello in Comune ritiene necessario un confronto con il Presidente della Provincia Giandomenico Tomei e tutti gli attori politici che vogliono confrontarsi su questo tema, al fine di comprendere le reali intenzioni, in termini di tempo, capacità e volontà di investimento su questo asse viario; la pedemontana è incompleta e già inadeguata per capacità di assorbimento del carico veicolare. Riteniamo sia necessario, senza sminuire altri tipi di progetto invecchiati e inadeguati solo sulla carta, che la Pedemontana debba raccogliere la massima attenzione della provincia in termini di investimento. Per il suo completamento a est in direzione Bazzano e per il suo adeguamento alla capacità di assorbimento del traffico veicolare.

Comincia la discussione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *